Annunci
News

IL VENEZUELA TRIONFA SUI TENTATIVI IMPERIALISTI DEGLI STATI UNITI

Tra i tentativi degli Stati Uniti di isolare e demonizzare il Venezuela, il governo bolivariano inizia oggi ad ottobre con un bilancio positivo.

L’applicazione di una strategia politica all’interno e all’esterno del Paese, ha permesso al governo bolivariano di invertire, nel mese che è appena culminato, con alcune delle varianti più complesse che minano la pace e la stabilità della nazione.

A livello nazionale, due momenti importanti hanno segnato la vita politica durante questo periodo, la campagna internazionale #NoMasTrump e l’accordo tra l’opposizione e il governo per stabilire un tavolo di dialogo nazionale, tra forti tensioni tra le parti, condite da minacce esterne.

Dopo che il presidente degli Stati Uniti ha firmato un ordine esecutivo che, tra le altre misure, ha autorizzato il congelamento dei beni dello Stato bolivariano all’estero, intensificando così il blocco contro questo paese, migliaia di venezuelani sono scesi in piazza per respingere tali azioni.

Dal 10 agosto al 10 settembre, tavoli improvvisati sono stati allestiti in piazze e parchi in cui oltre 13 milioni di persone hanno partecipato per firmare un documento di ripudio che è stato poi consegnato alle Nazioni Unite come segno della posizione della gente rispetto alle misure coercitive e unilaterali di Washington.

Organizzazioni politiche, movimenti sociali, studenti, lavoratori, dentro e fuori il Paese, si sono uniti alla protesta, riaffermando l’unità civile-militare del Venezuela, tra attacchi e minacce di aggressione da parte della Colombia e degli Stati Uniti.

Mentre l’estrema opposizione rappresentata da Juan Guaidó e dai suoi seguaci è stata screditata dalle continue lamentele sui loro rapporti con il narco-paramilitarismo colombiano, su altri scandali di corruzione e la loro devozione alla Casa Bianca.

Frazione che alla fine è stata divisa e isolata, quando “Advanced Progressive, Solutions for Venezuela”, Change, MAS e Hope for Change si sono uniti al “National Dialogue Table for Peace” installato per il raggiungimento di una soluzione politica in difesa della sovranità e accordo con la Costituzione.

La negoziazione che tra gli accordi firmati consentiva l’incorporazione del Partito socialista unito del Venezuela all’Assemblea nazionale, riconosceva i diritti legittimi sugli Essequibo come previsto nell’accordo di Ginevra e altri quattro punti, che consentivano l’implementazione di otto tavoli di lavoro complementari.

Nel frattempo, sulla scena internazionale, i tentativi di Washington di isolare la nazione sudamericana e persino l’azione disperata di cercare di attivare il Trattato inter-americano di assistenza reciproca (TIAR), per vestire con indumenti legali le loro intenzioni di invadere la nazione militarmente, hanno sofferto una sconfitta dopo l’altra nell’ultima settimana.

Le richieste del diritto e della Casa Bianca di convertire la 74a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite in una piattaforma a sostegno della sua politica non hanno avuto l’effetto desiderato.

L’entità internazionale ha chiarito la sua posizione nel riconoscere solo il governo bolivariano e il suo presidente costituzionale, Nicolás Maduro, i discorsi bellicosi del presidente americano Donald Trump e del suo omologo colombiano Iván Duque hanno avuto poca influenza sul pubblico.

A questo proposito, ha sottolineato Maduro, sono fallite perché “il loro discorso sulle minacce era vuoto”.

Questo mentre gli interventi del vicepresidente esecutivo Delcy Rodríguez e del ministro degli esteri Jorge Arreaza sono diventati accuse schiette sulle vere intenzioni dell’estrema destra venezuelana e sui suoi rapporti con il narcoparamilitarismo colombiano.

Proteste in Venezuela

Parallelamente a questo, da Ginevra il Consiglio per i diritti umani dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) ha approvato una risoluzione che condanna le misure unilaterali coercitive degli Stati Uniti contro il Venezuela.

Tutto questo insieme ad intense giornate diplomatiche nelle Nazioni Unite e in altri paesi, che sono riusciti a preparare e consolidare nuovi progetti per lo sviluppo della nazione sudamericana.

Così, vittoria dopo vittoria, la Rivoluzione Bolivariana inizia un nuovo periodo con passi fermi sulla strada della pace e della stabilità.

https://www.prensa-latina.cu/index.php?o=rn&id=309450&SEO=venezuela-triunfa-ante-intentos-aislacionistas-de-estados-unidos

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: Luciano Lago

Tratto da: https://www.controinformazione.info/il-venezuela-trionfa-sui-tentativi-imperialisti-degli-stati-uniti/

loading...
Annunci