Annunci
News

GLI STATI UNITI RITENGONO DI POTER DETTARE LE LORO REGOLE VALIDE PER TUTTI I PAESI

Gli Stati Uniti ritengono di poter dettare le regole su come gli stati sovrani debbano intrattenere le relazioni bilaterali e intimidiscano le altre nazioni perchè si sottomettano, afferma un analista politico in California.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, “ritiene che gli Stati Uniti abbiano il diritto inalienabile di imporre la propria agenda ad altri paesi e costringerli a conformarsi”, ha dichiarato Dennis Etler, ex professore di antropologia al Cabrillo College di Aptos, in California.

“Gli Stati Uniti sotto Trump, i suoi predecessori e presumibilmente i suoi successori, credono di avere il diritto sovrano di interferire impunemente negli affari di altre nazioni, mentre non ammetteranno mai la propria interferenza”, ha dichiarato Etler a Press TV.

“Non solo questo, ma sono sempre loro a voler imporre le loro leggi oltre la loro giurisdizione e cercano di costringere gli altri a rispettare le loro sanzioni economiche secondarie, in violazione di tutti gli standard internazionali”, ha aggiunto.

Il ministero degli Esteri cinese ha criticato le sanzioni imposte dagli Stati Uniti a determinate entità e individui cinesi, che gli Stati Uniti accusano di trasferire consapevolmente il petrolio iraniano in violazione dell’embargo illegale decretato da Washington contro Teheran.

“Siamo sempre contrari alla cosiddetta giurisdizione a lungo braccio e alle sanzioni unilaterali”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese Geng Shuang. “Ci opponiamo anche alla pratica delle intimidazioni degli Stati Uniti”.

La cooperazione della Cina con l’Iran è legittima e legale e deve essere rispettata e protetta, ha affermato Geng.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha annunciato mercoledì che il suo Paese sta imponendo sanzioni a cinque cittadini cinesi e sei entità, tra cui due filiali della COSCO Shipping Corporation.
Washinton ha avvertito i paesi dei rischi di violazione delle sanzioni USA contro l’Iran. Tuttavia vari paesi come la Turchia, l’Iraq, l’India, hanno dichiarato di non volersi uniformare alle sanzioni dettate da Washington.

L’amministrazione Trump ha accusato l’Iran di essere dietro attacchi contro le strutture petrolifere saudite della Aramco il 14 settembre senza offrire alcuna prova.

Trump ha minacciato di inasprire le sanzioni economiche contro Teheran durante il suo discorso alla 74a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

“Tuttavia, il tentativo degli Stati Uniti di intimidire le altre nazioni a sottomettersi sarà sconfitto”, ha detto Etler. Questo perchè il mondo sta cambiando e ci si sta avviando verso un equilibrio multilaterale dettato dall’emergere di nuove superpotenze come la Cina e la Russia.

“La Cina ha affermato con determinazione che negozierà con gli Stati Uniti solo dopo che gli Stati Uniti avranno rimosso le restrizioni irragionevoli e l’Iran ha dichiarato che non negozierà con gli Stati Uniti fintanto che le loro sanzioni unilaterali rimarranno in vigore”, ha affermato il cancelliere iraniano Zarif.

Il MINISTRO LAVROV HA SOTTOLINEATO A POMPEO L’INUTILITÀ DELLE SANZIONI SULLA RUSSIA


Oggi, il 27 settembre, durante un incontro tra il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il segretario di Stato americano Mike Pompeo, sono state discusse le prospettive di un insediamento nella penisola coreana, la situazione in Afghanistan, Ucraina, Medio Oriente e Nord Africa.
Secondo le informazioni pubblicate, durante i colloqui, il ministro degli Esteri russo ha sottolineato che “la Russia è aperta al dialogo con gli Stati Uniti in vari settori, ma una cooperazione costruttiva è possibile solo sulla base del rispetto reciproco degli interessi”. Lavrov ha sottolineato a Pompeo “l’inutilità dei tentativi di sanzioni e qualsiasi altra pressione” su Mosca. Come ha sottolineato il ministro degli Esteri russo, queste misure hanno solo l’effetto di minare le prospettive di cooperazione bilaterale nell’interesse di risolvere i problemi globali chiave, pregiudicando la sicurezza globale.

Lavrov ha anche attirato l’attenzione del suo collega americano sull’inaccettabilità della situazione relativamente alla questione dei visti negati dalle autorità USA ad un numero di membri della delegazione russa che avrebebro dovuto partecipare all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.
Gli USA credono di poter utilizzare l’ONU per ricattare gli altri paesi ma dimenticano che la Russia siede nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite assieme alla Cina, alla Francia ed al Regno Unito.

Fonte: New Front

Traduzione: Luciano Lago

Tratto da: https://www.controinformazione.info/gli-stati-uniti-ritengono-di-poter-dettare-le-loro-regole-valide-per-tutti-i-paesi/

loading...
Annunci